Editoriale

DECRETO MERCATO DEL LAVORO: I NODI AL PETTINE

In queste settimane il Governo è chiamato ad emanare l’insieme delle norme destinate a chiudere il cerchio del Jobs Act e a realizzare una inversione di rotta sul mercato del lavoro attesa da anni. Gli interventi da definire sono molti e vanno dalla condizionalità tra politiche passive ed attive alla sorte dei centri per l’impiego e dell’Agenzia nazionale.

Leggi Articolo »

COSA NON FA FUNZIONARE GARANZIA GIOVANI

E’ evidente che qualcosa non funziona nel programma Garanzia giovani. I dati di monitoraggio chiariscono come un sistema che non ha servizi pubblici per il lavoro efficaci e funzionali e con servizi privati presenti in poche regioni e poco specializzati per l’accompagnamento al lavoro non riesce a gestire l’attivazione al lavoro. Servono al più presto interventi di riforma che cambino un modello che non ha funzionato e non può funzionare né sui giovani né sui disoccupati.

Leggi Articolo »

POLITICHE ATTIVE: TORNANO ALLO STATO LE REGOLE DEL GIOCO

Con un emendamento approvato alla riforma del Titolo V della Costituzione si stabilisce che spetta allo Stato la legislazione esclusiva sulle politiche attive del lavoro. Non potranno più esserci regole diverse da regione a regione sugli interventi e le modalità per l’attivazione al lavoro. Si tratta di una norma che allinea l’Italia con il resto dell’Europa e che sposta la funzione delle regioni sulla programmazione ed erogazione degli interventi, insieme alla prossima Agenzia nazionale.

Leggi Articolo »

DISOCCUPATI POCO ATTIVATI

L’Europa in questi anni di crisi si attrezzava e provava a rimettere al lavoro i disoccupati con investimenti, incentivi e strumenti adeguati. L’Italia invece ha aumentato la spesa per trattamenti di disoccupazione e diminuito quella per l’attivazione al lavoro. I decreti legislativi di riforma ed estensione degli ammortizzatori del Jobs Act dovranno rispondere dal nuovo anno a una massa di disoccupati che premerà per il rientro al lavoro.Senza strumenti adeguati il sistema è al collasso.

Leggi Articolo »

IL DESERTO INTORNO A GARANZIA GIOVANI

Il cattivo stato di salute delle nostre politiche per la formazione ed il lavoro è ben dimostrato dalle difficoltà nell’attivazione del programma della Garanzia giovani. Oltre all’evidente problema della debolezza dei servizi per l’impiego e del sistema delle agenzie per il lavoro accreditate, ancora lontane dalla capacità di realizzare efficaci interventi di placement, le difficoltà della Garanzia giovani evidenziano problemi del tutto politici.  

Leggi Articolo »

ALLARME ROSSO SUI CENTRI PER L’IMPIEGO

I tagli della Finanziaria ed i tempi del Jobs Act possono compromettere i centri per l’impiego. Le minori risorse disponibili per città metropolitane e province riducono il finanziamento per il personale dei centri per l’impiego già da gennaio. La mancata attribuzione di circa 450milioni di euro ( questo è il costo oggi dei centri ) può compromettere la Garanzia giovani e l’utilizzo dei cinque miliardi di fondi europei per il lavoro che l’Italia deve spendere entro fine 2015.

Leggi Articolo »