ANPAL ED OCSE INSIEME PER LE POLITICHE ATTIVE

ANPAL_Logo interno

Politiche attive del lavoro nazionali e regionali per combattere la disoccupazione: uno studio OCSE del caso italiano

Le politiche attive del lavoro offrono alle persone migliori opportunità di partecipare attivamente al mercato del lavoro migliorando il proprio benessere. Aiutano inoltre i paesi a fare fronte al rapido invecchiamento della popolazione mobilitando in maniera più adeguata le potenziali risorse di manodopera di un paese. L’elevata disoccupazione, in particolare la disoccupazione di lunga durata, e la debole aderenza al mercato del lavoro di alcuni gruppi nella società, riflettono una serie di ostacoli al lavoro o agli avanzamenti lavorativi. Per affrontare queste sfide, l’OCSE sta conducendo una serie di analisi in materia di politiche di attivazione e di occupazione dal titolo “Connecting People with Jobs”. Questa serie di studi si basa sulla consolidata esperienza dell’OCSE in tema di politiche di attivazione e su un ulteriore lavoro predisposto dall’OCSE per il G20 in materia di strategie di attivazione finalizzate a rendere i mercati del lavoro più forti e più inclusivi. Le analisi cercano di aiutare i paesi da un lato, a far fronte alle sfide a breve termine, e dall’altro, a rafforzare gli effetti del mercato del lavoro a lungo termine, con particolare attenzione ai gruppi più svantaggiati, coloro che affrontano le maggiori barriere e disincentivi nella ricerca di un posto di lavoro. Recentemente l’OCSE ha condotto delle analisi in materia di politiche di attivazione e di occupazione in Australia, Slovenia e Regno Unito e sta attualmente conducendo uno studio sulla situazione in Lettonia. Ogni studio si concentra sulle sfide specifiche di ciascun paese e fornisce indicazioni per la definizione delle politiche e per la loro attuazione tenendo conto della situazione locale, e attingendo dall’esperienza di altri paesi OCSE. Le analisi si concentrano sulle sfide considerate di particolare rilievo per i servizi pubblici per l’impiego, ad esempio: quale ruolo possono svolgere i partenariati pubblico-privato e i servizi appaltati; come affrontare le sfide relative ai sistemi decentralizzati; come può un Servizio pubblico per l’impiego ottenere maggiori risultati con minori risorse o gestire adeguatamente le proprie prestazioni al fine di garantire un continuo processo di miglioramento e apprendimento.

 

 

Obiettivi dell’analisi delle politiche di attivazione in Italia

Nel 2018 l’OCSE effettuerà un’analisi delle politiche di attivazione in Italia. Lo scopo di questa rassegna è, da un lato, valutare come le politiche di attivazione stanno promuovendo mercati del lavoro più inclusivi e, dall’altra, stimolare un dialogo con tutti i principali stakeholders per identificare misure concrete che favoriscano una strategia di attivazione più efficace. In particolare, l’analisi del caso italiano si concentrerà su alcuni aspettidelle politiche di attivazione e sulla loro attuazione da parte delle Regioni in quanto autorità competenti nella realizzazione delle politiche attive del mercato del lavoro:

  • Sviluppo e utilizzo di strumenti di profiling (sia quantitativi che qualitativi), e il ruolo della profilatura degli utenti;
  • Outreach dei datori di lavoro e misure rivolte al lato della domanda al fine di individuare e monitorare meglio le offerte di lavoro, compreso lo sviluppo di strumenti e servizi on-line per i servizi pubblici per l’impiego finalizzati al miglioramento delle loro analisi del mercato del lavoro e della loro capacità di intermediazione domanda-offerta.
  • Sviluppo di un mercato per i fornitori di servizi per l’impiego; misurazione, monitoraggio e valutazione della qualità dei servizi; ruolo che possono svolgere i partenariati pubblico-privati e i servizi appaltati.

Poiché uno degli obiettivi dell’analisi è di promuovere un dialogo tra i principali stakeholders del sistema italiano dei servizi pubblici per l’impiego, saranno organizzati dei seminari che coinvolgeranno l’Agenzia per le politiche attive del mercato del lavoro (ANPAL), le autorità regionali incaricate dell’erogazione delle misure per il mercato del lavoro ed esperti provenienti da altri paesi OCSE competenti su specifici temi. Nel corso dei seminari, gli esperti provenienti da altri paesi OCSE saranno invitati ad illustrare le loro pratiche e a condividerne le esperienze. Questi incontri offriranno, inoltre, un’occasione di apprendimento reciproco tra le autorità regionali italiane e, pertanto, si prevede che la condivisione delle buone prassi da parte delle regioni avvenga anche nel corso dei seminari.

E’ probabile che l’OCSE richieda ulteriori contributi agli stakeholders coinvolti. Ciò potrà avvenire sia sotto forma di una richiesta di dati, sia tramite la somministrazione di un questionario inerente le politiche, rivolto alle autorità nazionali e regionali al fine di reperire maggiori informazioni sulle misure di politica realizzate e sugli effetti prodotti. L’OCSE svolgerà inoltre degli incontri bilaterali con le autorità competenti, tra le quali vari ministeri (Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Ministero dell’economia e delle finanze), l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro (ANPAL), l’Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche (INAPP), l’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS), eventuali fondazioni, università e parti sociali (ad es. confederazioni datoriali e sindacali) rilevanti in materia. Inoltre, l’OCSE visiterà alcuni tra autorità regionali e centri per l’Impiego locali (CPI) sulla base delle diversità regionali e dell’interesse espresso da parte delle Regioni stesse. Report finale Il rapporto finale sulle politiche di attivazione in Italia affronterà in maniera approfondita gli argomenti e le buone prassi illustrate in dettaglio nel corso dei seminari, oltre a rivolgere all’Italia alcune raccomandazioni in materia di attuazione. Lo studio “Connecting People with Jobs: Italy” sarà lanciato nel primo trimestre del 2019 e a questo scopo sarà organizzato un seminario di divulgazione cui saranno invitati partecipare tutti gli stakeholders coinvolti nella realizzazione delle politiche attive del mercato del lavoro in Italia.